Everyone talks about it, BUT ITALY CAN ‘FAIL REALLY?

Italy fail?
Let’s start with some simple facts: Italy has a high public debt ( debt / GDP ratio of 120% ) , by the end of 2014 has to find about 750 billion Euros to finance , politics has lost credibility and has an economy that does not grow too long. Obviously , the higher the rate of interest payable on the debt, the situation is worse . At this time Italy pays 6.3% on the debt in 10 years, 6% abundant on the 5-year and 5.3% over the 2 years . The point is : if a person loses credibility with lenders and does not produce income, such as pays off the debt?

The problem therefore exists and is unfortunately seriously. But how serious ?


The financial markets every day quoting the probability of failure of Italy via the CDS market , a market of insurance at the default ( simplified definition , but which captures the essence of the CDS). Well according to the markets , Italy has a chance to make default in the next 2 years was 16.5% , while the 5-year probability jumps to 35%.
There is no shortage authoritative opinions : the laureate Paul Krugman gives us virtually for dead . He writes on his blog that the current levels of interest rates at 10 years of BTP represent ” a level at which the cost of renewing the debt leads to a forced default , although Italy has a primary surplus ” (here the post in question). We can only hope he’s wrong , but certainly the possibility of a default of Italy can not be excluded .
What if Italy does default?
It keeps valid the analysis carried out by Pasquale Rossi, with one important difference : Italy has an economy that is more than six times that of Greece , the amount of bonds issued is therefore vastly larger and so did the damage associated with a possible default.
The first problem would arise on banking . In a study of bank Goldman Sachs (which may not levy great support at the moment, but has excellent analysts) appeared in July 2013 states that :
” Interconnection between Italy , Spain as bond issuers , the banks of the respective countries and the European financial system is such that the instability can have extreme consequences , far beyond national borders .”

The summary of the study by Goldman Sachs is that , if Italy does default , must be seriously underwater even France and Germany , not so much for the ” direct exposure to the BTP (though not negligible) , as well as for the reports on the interbank market and financial . Since both the French banks and German ones are too big to be rescued by their governments and both Germany , and France economies are too big to be rescued by the IMF (International Monetary Fund ) , if it fails almost certainly snaps Italy the domino effect . Maybe ( I emphasize maybe) a greek default can be contained , but it is unlikely that we can contain a default Italian .
The default, with adjoining banking crisis would drag Italy out of the euro . Therefore , anyone can do it , they would bring their savings in foreign banks to avoid forced conversion to the new Italian domestic currency . Which would lead to a sharp depreciation of the currency , ie a currency crisis .
The wave of panic and risk aversion triggered by these events would create a liquidity crisis : the banks would avoid lending money to other banks ( there would be an increase in deposits at the ECB , a trend already underway and we have already discussed ) , to businesses and consumers. This, as can be imagined, would Italy and probably the whole of Europe (if not the world economy ) in deep recession , given the inter-linkages in the global economy .

So unemployment and a reduction in household income , with all the social consequences of the case.
As has already been seen during the 2008 credit crisis , the lack of liquidity and the need for money also would lead to the sale of generalized liquid assets , primarily shares , triggering a further decline of values. These events should be to affect income and assets of savers . Although it must be said that it is implausible that a possible default of Italy would lead to the non-payment of the entire amount due : more likely, it would partially reimburse the amount , and / or to vary the terms of payment , such as lengthening the deadline.
Really happen ?
Hopefully no: as it highlights the latest report from the Bank of Italy on financial stability, Italy has many strengths, such as:
• the content level of the budget deficit compared to other major economies ,
• the low private sector debt ,
• the soundness of banks
• the limited foreign debt.
It is a country that can and should stand. To do so, Italy must first help itself , finding the strength to get out of the doldrums policies , giving himself a government able to do what must be done : stimulate economic growth while controlling public finances. But help can arrive from the European Central Bank. How acutely observes the neo- Nobel laureate Christopher Sims , the ability of a country to print money is the guarantee that the debt will always be repaid : the central banks are born with the crucial role of ” money lenders of last resort ” and guarantors of stability . The Eurozone countries have lost this privilege and the ECB did not , at the moment, this role. It is perhaps to recover it. And this task rests on the shoulders of Mario Draghi.

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

L’Italia può fallire?
Partiamo da alcuni semplici fatti: l’Italia ha un debito pubblico elevato (rapporto debito/PIL del 120%), da qui alla fine del 2014 deve trovare circa 750 miliardi di euro per finanziarsi, ha perso credibilità politica ed ha un’economia che non cresce da troppo tempo. Ovviamente, più alto è il tasso d’interesse da pagare sul debito, peggio è la situazione. In questo momento l’Italia paga il 6,3% sul debito a 10 anni, il 6% abbondante su quello a 5 anni e il 5,3% su quello a 2 anni. Il punto è: se un soggetto perde credibilità con i creditori e non produce reddito, come ripaga il debito?

Il problema quindi esiste ed è purtroppo serio. Ma quanto serio?

I mercati finanziari quotano tutti i giorni la probabilità di fallimento dell’Italia tramite il mercato dei CDS, un mercato delle assicurazione sul default (definizione semplificata, ma che coglie l’essenza dei CDS). Ebbene secondo i mercati, l’Italia ha una probabilità di fare default nei prossimi 2 anni pari a 16,5%, mentre a 5 anni tale probabilità balza a 35%.
Non mancano opinioni autorevoli: il Nobel Paul Krugman ci dà praticamente per spacciati. Scrive infatti sul suo blog che gli attuali livelli del tasso d’interesse a 10 anni dei BTP rappresentano “un livello al quale il costo di rinnovare il debito porta forzatamente ad un default, anche se l’Italia ha un avanzo primario” (qui trovate il post in questione). C’è da sperare che si sbagli, ma certamente la possibilità di un default dell’Italia non si può escludere.
Che cosa succede se l’Italia fa default?
Si mantiene valida l’analisi effettuata da Pasquale Rossi, con un’importante differenza: l’Italia ha un’economia che è oltre sei volte quella greca, l’ammontare delle obbligazioni emesse è quindi enormemente più grande e così pure i danni associati ad un eventuale default.
Un primo problema sorgerebbe a livello bancario. In uno studio della banca Goldman Sachs (che potrà non riscuotere grandi simpatie al momento, ma ha ottimi analisti) apparso a luglio 2013 si afferma che:
“l’interconnessione tra Italia, Spagna come emittenti di obbligazioni, le banche dei rispettivi Paesi e il sistema finanziario europeo è tale che l’instabilità può avere estreme conseguenze, ben oltre i confini nazionali”.

La sintesi dello studio di Goldman Sachs è che, se l’Italia fa default, vanno seriamente sott’acqua anche Francia e Germania, non tanto per l”esposizione diretta al BTP (peraltro non trascurabile), quanto per i rapporti sul mercato interbancario e finanziario. Siccome sia le banche francesi, sia quelle tedesche sono troppo grandi per essere salvate dai rispettivi governi e sia la Germania, sia la Francia sono economie troppo grandi per essere salvate dall’FMI (Fondo Monetario Internazionale), se fallisce l’Italia scatta quasi sicuramente l’effetto domino. Forse (sottolineo: forse) un default greco si può contenere, ma è improbabile che si possa contenere un default italiano.
Il default, con annessa crisi bancaria, trascinerebbe l’Italia fuori dall’euro. Perciò, tutti coloro in grado di farlo, porterebbero i loro risparmi in banche estere, per evitare la conversione forzata nella nuova valuta domestica italiana. Il che comporterebbe un forte deprezzamento della divisa, cioè una crisi valutaria.
L’ondata di panico e di avversione al rischio innescata da questi eventi creerebbe una crisi di liquidità: le banche eviterebbero di prestare denaro alle altre banche (si avrebbe una crescita dei depositi presso la BCE, tendenza già in corso e di cui abbiamo già parlato), alle imprese e ai consumatori. Ciò, come intuibile, porterebbe l’Italia e probabilmente l’intera Europa (se non l’economia mondiale) in profonda recessione, viste le interconnessioni esistenti nell’economia mondiale.

Quindi disoccupazione e riduzione del reddito delle famiglie, con tutte le conseguenze sociali del caso.
Come si è già visto durante la crisi creditizia del 2008, la scarsa liquidità e la necessità di denaro porterebbero inoltre alla vendita generalizzata di attivi liquidi, in primis le azioni, innescando un’ulteriore discesa dei valori. Questi eventi andrebbero ad intaccare reddito e patrimonio dei risparmiatori. Anche se va detto che è implausibile che un eventuale default dell’Italia comporti il mancato pagamento dell’intera somma dovuta: più verosimilmente, si tratterebbe di rimborsare parzialmente l’ammontare, e/o di variare i termini di pagamento, ad esempio allungando la scadenza.
Succederà davvero?
Sperabilmente no: come mette in luce l’ultimo rapporto di Banca d’Italia sulla stabilità finanziaria, l’Italia ha molti punti di forza, quali:
•    il contenuto livello del disavanzo di bilancio rispetto ad altre maggiori economie,
•    il basso indebitamento del settore privato,
•    la solidità delle banche,
•    il limitato debito estero.
È un Paese che può e deve stare in piedi. Per farlo, l’Italia deve innanzitutto aiutarsi da sola, trovando la forza di uscire dalle secche politiche, dandosi un Governo in grado di fare ciò che va fatto: stimolare la crescita economica tenendo sotto controllo i conti pubblici. Ma l’aiuto può arrivare anche dalla Banca Centrale Europea. Come osserva acutamente il neo-premio Nobel Cristopher Sims, l’abilità di un Paese di stampare moneta è la garanzia che il suo debito verrà sempre ripagato: le banche centrali nascono con il ruolo cruciale di “prestatrici di denaro d’ultima istanza” e garanti della stabilità. I Paesi dell’area Euro hanno perso questo privilegio e la BCE non ha, al momento, questo ruolo. Si tratta forse di recuperarlo. E questo compito grava sulle spalle di Mario Draghi.

U.S.  ABO

Marcello Orsini

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s