Emerging Europe Moves Ahead but Slower

  • Robust recovery in most of the region, except in Russia and other CIS economies
  • Growth still lower than before crisis, catch-up with advanced Europe to take longer
  • Countries need to address structural bottlenecks

Most of the Central, Eastern, and Southeastern European economies (CESEE) continue to record robust growth, while Russia and other countries in the Commonwealth of Independent States (CIS) remain in recession, says the IMF in its latest Regional Economic Issues report for the region.

Yet, average growth rates across the region are well below the levels before the crisis, thus it could take longer to catch up with advanced Europe. With the global economy facing mediocre growth prospects over the medium term, structural reforms offer the best hope for CESEE to lift growth and speed up convergence.

Central and Eastern European (CEE), Southeastern European (SEE) and Turkish economies have continued to expand at around 3-4 percent in 2015 (see table). In much of the region, growth has been driven by domestic consumption, which, in turn, is due to supportive macroeconomic policies and rising real wages. European Union (EU) member countries also benefited from a boost to investment due to increased utilization of EU funds before their expiration in 2015.

CIS countries remain in recession. The Russian economy contracted sharply last year as a result of plunging oil prices and Western sanctions, and will likely return to growth next year. Other CIS countries suffered from domestic political and financial woes and weaker external demand. IMF forecasts CIS contraction in 2016 to moderate to 1.5 percent, from 4.25 percent in 2015.

Z:\ENGLISH\IMF Survey Online\2016 Charts\05\EUR-REI\REI table1rev-2.jpg

Heading for choppy waters

Although there is a strong cyclical rebound in CESEE countries, risks have increased. The strongest break on CESEE growth would be a stagnation in the euro zone, the largest trading partner for many CESEE countries. Also, prospects for CESEE countries would be dampened by lower-than-expected growth in the United States and China, and tighter financial conditions around the world. In addition, political instability and the rise of populist parties aggravate uncertainty throughout the region. With these higher risks, supportive monetary policy combined with medium-term fiscal consolidation remains valid policy advice for many economies in the region.

Catching up with advanced Europe requires extra effort

With the global economy less supportive in the medium term, lower growth can turn out to be the new normal in the region. This means that the pace of convergence to the living standards of advanced Europe may fall short of earlier aspirations.

To close the gap with advanced Europe faster, CESEE countries thus need stronger policies to improve labor supply, boost investment, and increase efficiency.

Improving the workforce

Most CESEE countries are facing severe declines in the working-age population. The trend is expected to continue or worsen in some cases (see Chart 1), exacerbated by emigration, which is estimated to have removed 20 million people (or 6.25 percent of the working-age population) from the workforce in the past 25 years. CESEE countries therefore should pursue policies to reduce structural unemployment and skill mismatches, extend work opportunities to underemployed groups like women and seniors, as well as improve health care in order to raise life expectancy. Better institutions would also help CESEE countries to retain and attract skilled workers.

C:\Users\ebalazs\AppData\Local\Microsoft\Windows\Temporary Internet Files\Content.Outlook\O4PHF1MB\REI.chart1 (00000002).jpg

Boosting investment

Capital stock per capita in a typical CESEE economy is still about one-third of that in advanced Europe. Investment gaps are particularly wide in infrastructure, where public investment could help, but on its own would not be enough. While in some cases investment is held back by lingering issues from the crisis—high debt burdens and nonperforming loans—most CESEE countries need to cure deeper structural issues in order to lift private investment. The countries should focus on institutional reforms that reduce inefficiencies and increase returns on private investment and savings. In most of the region, domestic savings are lower than what is needed to sustain investment rates high enough to close the income gaps with advanced Europe within a generation or so (see Chart 2).

C:\Users\ebalazs\AppData\Local\Microsoft\Windows\Temporary Internet Files\Content.Outlook\O4PHF1MB\REI.chart2 (00000004).jpg

Raising productivity

Structural reforms are of paramount importance to raise productivity that, in turn, could result in faster convergence with advanced Europe. CESEE countries should upgrade their legal systems, improve health care, and ensure a supportive environment for high productivity sectors and firms. To achieve this, governments should increase their efficiency, reduce the regulatory burden on businesses and improve affordability of financial services, in particular for small but productive firms. Certain countries in the region require deeper reforms to re-orient the economy toward more private-sector-led growth (Belarus), reinforce the independence of the judiciary system (Moldova), and to fight corruption and reform tax administration (Ukraine).

Marcello Orsini

 

  • Robusta ripresa in gran parte della regione, tranne che in Russia e in altre economie CSI
  • Una crescita ancora inferiore rispetto a prima crisi, catch-up con l’Europa avanzata per richiedere più tempo

    La maggior parte della centrale, orientale, e le economie europee del sud-est (CESEE) continuano a registrare una forte crescita, mentre la Russia e altri paesi della Comunità degli Stati Indipendenti (CIS) restano in recessione, dice il Fondo monetario internazionale nel suo ultimo rapporto Questioni economiche regionali per la regione.

    Tuttavia, i tassi di crescita medi in tutta la regione sono ben al di sotto dei livelli prima della crisi, quindi potrebbe richiedere più tempo per recuperare il ritardo con l’Europa avanzata. Con l’economia globale di fronte a prospettive di crescita mediocri nel medio termine, riforme strutturali offrono la migliore speranza per CESEE a portare la crescita e accelerare la convergenza.

    economie turca dell’Europa centrale e orientale (CEE), del sud-est europeo (SEE) e hanno continuato ad espandersi a circa il 3-4 per cento nel 2015 (vedi tabella). In gran parte della regione, la crescita è stata trainata dai consumi interni, che, a sua volta, è dovuta a politiche macroeconomiche di sostegno e l’aumento dei salari reali. i paesi membri dell’Unione Europea (UE) ha beneficiato anche da una spinta agli investimenti a causa di un maggiore utilizzo dei fondi UE prima della loro scadenza nel 2015.

    I paesi della CSI rimangono in recessione. L’economia russa contratta bruscamente lo scorso anno a causa del precipitare i prezzi del petrolio e delle sanzioni occidentali, e probabilmente tornare a crescere l’anno prossimo. Altri paesi della CSI sofferto di guai politici e finanziari nazionali e più debole domanda estera. FMI prevede contrazione CIS nel 2016 a moderata a 1,5 per cento, dal 4,25 per cento nel 2015.

    Anche se vi è un forte rimbalzo ciclico nei paesi CESEE, i rischi sono aumentati. La rottura più forte sulla crescita CESEE sarebbe un ristagno nella zona euro, il più grande partner commerciale per molti paesi CESEE. Inoltre, le prospettive per i paesi CESEE sarebbero smorzate da condizioni finanziarie più bassi del previsto la crescita negli Stati Uniti e in Cina, e più stretti in tutto il mondo. Inoltre, l’instabilità politica e l’ascesa di partiti populisti aggravare l’incertezza in tutta la regione. Con questi rischi più elevati, la politica monetaria di sostegno combinato con il consolidamento di bilancio a medio termine rimane consulenza politica valida per molte economie della regione.

    Mettersi al passo con l’Europa avanzata richiede sforzo supplementare

    Con l’economia globale meno favorevole nel medio termine, la crescita inferiore può rivelarsi la nuova normalità nella regione. Ciò significa che il ritmo di convergenza verso gli standard di vita europei avanzato potrebbe cadere a breve di aspirazioni precedenti.

    Per colmare il divario con l’Europa avanzata più veloce, i paesi CESEE quindi bisogno di politiche forti per migliorare l’offerta di lavoro, rilanciare gli investimenti, e aumentare l’efficienza.

    Migliorare la forza lavoro

    La maggior parte dei paesi CESEE si trovano ad affrontare gravi cali nella popolazione in età lavorativa. Il trend è destinato a continuare o peggiorare in alcuni casi (vedi tabella 1), aggravata da l’emigrazione, che si stima abbia sottratto 20 milioni di persone (o 6,25 per cento della popolazione in età lavorativa) dalla forza lavoro negli ultimi 25 anni. paesi CESEE quindi dovrebbero perseguire politiche volte a ridurre la disoccupazione e di abilità sbilanci strutturali, di estendere le opportunità di lavoro per i gruppi sottoccupati come le donne e gli anziani, oltre a migliorare l’assistenza sanitaria al fine di aumentare l’aspettativa di vita. istituzioni meglio sarebbe anche aiutare i paesi CESEE a trattenere e attirare lavoratori qualificati.

    Aumentare gli investimenti

    Capitale sociale pro capite in una tipica economia CESEE è ancora circa un terzo di quella in Europa avanzata. lacune investimento sono particolarmente ampio nel settore delle infrastrutture, in cui gli investimenti pubblici potrebbe aiutare, ma da sola non sarebbe sufficiente. Mentre in alcuni casi gli investimenti è frenato da problemi persistente dagli oneri del debito crisi-alto e non performing loans-maggior parte dei paesi CESEE bisogno per curare i problemi più profondi strutturali per sollevare gli investimenti privati. I paesi dovrebbero concentrarsi sulle riforme istituzionali che riducono le inefficienze e aumentare la redditività degli investimenti privati e di risparmio. Nella maggior parte della regione, risparmio interno sono inferiori a ciò che è necessario per sostenere i tassi di investimento abbastanza elevate per colmare le lacune di reddito con l’Europa avanzata all’interno di una generazione o giù di lì (vedi grafico 2).

    Aumentare la produttività

    Le riforme strutturali sono di fondamentale importanza per aumentare la produttività che, a sua volta, potrebbe tradursi in una convergenza più rapida con l’Europa avanzata. paesi CESEE dovrebbero aggiornare i propri sistemi giuridici, migliorare l’assistenza sanitaria, e di garantire un ambiente di sostegno per i settori ad alta produttività e delle imprese. Per raggiungere questo obiettivo, i governi dovrebbero aumentare la loro efficienza, ridurre l’onere normativo per le imprese e migliorare l’accessibilità dei servizi finanziari, in particolare per le piccole, ma produttive delle imprese. Alcuni paesi della regione richiedono riforme più profonde per riorientare l’economia verso una crescita più-guidata dal settore privato (Bielorussia), rafforzare l’indipendenza del sistema giudiziario (Moldavia), e per la lotta contro la corruzione e l’amministrazione riforma fiscale (Ucraina).

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s