Bollettino Economico n. 70

16-10-2012

Le tensioni finanziarie si sono attenuate

Gli annunci delle nuove operazioni della BCE e delle loro modalitá di attuazione hanno allentato le tensioni sui titoli del debito sovrano dell’area dell’euro. Il miglioramento dei mercati finanziari si è trasmesso all’Italia e si è riflesso sulle condizioni del credito, il cui costo rimane tuttavia superiore alla media dell’area.

In Italia la contrazione del PIL è proseguita nel terzo trimestre; i sondaggi più recenti segnalano un’attenuazione del pessimismo

In Italia l’attività economica ha continuato a ridursi anche nei mesi estivi, sebbene con un’intensità minore rispetto alla prima metà dell’anno. Dalle inchieste condotte in settembre presso le imprese emergono segnali meno sfavorevoli sulle prospettive a breve termine, soprattutto per le aziende esportatrici.

Il calo del PIL atteso per la media del 2013 è coerente con un’uscita dalla recessione nel corso dell’anno

Le previsioni di crescita dell’attività economica in Italia per quest’anno e per il prossimo da parte dei principali analisti sono state riviste al ribasso. Per il complesso del 2013 è atteso un ulteriore calo del prodotto; su base trimestrale il PIL smetterebbe di diminuire nel corso dell’anno, ancora sostenuto dalla domanda estera.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s